Bologna, Via Nicolò dall'Arca, 8
info@gianlucacapone.it

Facebook perde il 40% dei giovani!

La tecnologia che ti da valore

Facebook perde il 40% dei giovani!

Facebook down
Condividi

Facebook perde il 40% dei giovani, ma… attenzione ai numeri!

  • Sono 31 milioni gli utenti italiani connessi a Facebook
  • Significa il 91% degli utenti online in Italia.
  • 25 milioni accedono quotidianamente e 29 milioni in un mese.
  • Il 58% ha più di 35 anni.

La fascia dai 13 ai 29 anni invece è in drastico calo di interesse verso questo social network, parliamo di 2 milioni di persone.

Quindi 40% in meno in un anno.

La fascia di età 46 – 55 anni ha un balzo del 17%.

Fatta questa fotografia, alcune considerazioni sono fondamentali.

Facebook rallenta ma è pur sempre il social network che in Italia annovera il 91% degli utenti che ogni giorno utilizzano internet.

Se ad esempio operiamo nel settore immobiliare le fasce alto spendenti continuano ad essere ampiamente rappresentate, mentre le categorie che saranno per questo settore il target del futuro prediligono altri canali.

Se invece operiamo nel settore fashion, moda e in generale trend e tendenze, allora quest’ultimo dato ricopre già un’iportanza enorme. Non abbiamo altro tempo da perdere.

Definire una strategia è sempre complesso e va studiata caso per caso, non esistono ricette preordinate.

Ma il consiglio di cominciare a studiare e valutare il presidio di altri canali social è da tenere in forte considerazione già oggi.

Linkedin, Instagram e Youtube dovrebbero rientrare in un’analisi complessiva per definire le strategie di breve e medio termine.

Instagram diventa sempre più il “luogo virtuale” per raggiungere le fasce di età che oggi stanno “abbandonando” Facebook e che domani rappresenteranno il “target utile” per diversi settori di business (forse tutti).

Presidiare oggi questo canale potrebbe sembrare inopportuno, ma domani potremo capitalizzare gli sforzi che faremo oggi.

Presidiare oggi, probabilmente potrebbe essere più economico che provarci “domani”.


I dati sono stati raccolti dal blog di Vincenzo Cosenza:

  • http://bit.ly/ReportFacebookTrimestrale
  • http://vincos.it/

Condividi